Ricattato sul web si toglie la vita

Era stato ricattato dopo aver pubblicato annunci sul web a sfondo sessuale da un sedicente ispettore della Polizia postale, e aveva anche pagato 5.000 euro di 'multa' ma, dopo che quest'ultimo gli aveva paventato possibili ripercussioni sulla sua vita lavorativa, si è tolto la vita. E' quanto emerso dall'indagine della Procura di Nuoro per truffe ed estorsioni sul web, che oggi ha portato a 16 arresti e quattro denunce nel nord Italia. Il suicidio è avvenuto quattro mesi fa. Erano stati i genitori della vittima a rivolgersi ai Carabinieri l'estate scorsa. I due anziani, disperati, volevano far luce sulle ragioni che hanno portato il giovane a togliersi la vita. Da qui è partita l'indagine della Procura di Nuoro per truffe ed estorsioni sul web. I militari, dopo la denuncia dei genitori, hanno dato inizio alle indagini e in pochi mesi sono riusciti a raccogliere una serie di elementi sui social forum della vittima, scoprendo che tutto è partito dopo che aveva pubblicato alcuni annunci nei siti di incontri.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Aritzo

FARMACIE DI TURNO